approfondimenti

Angioma del fegato

Cos’è l’angioma e come si accerta la sua natura?

L’angioma (o emangioma) è il più comune tumore benigno del fegato, con una presenza stimata dal 5% al 20% delle persone. È una lesione benigna vascolare di origine malformativa o sporadica che origina dall’endotelio, il tessuto più interno dei vasi sanguigni. Può presentarsi singolo o in più lesioni, di dimensioni molto variabili, da pochi millimetri a oltre 15 centimetri. Superati i 5 centimetri è generalmente detto "gigante". La sua natura viene meglio confermata da una risonanza magnetica o da una ecografia con il mezzo di contrasto, che dimostrano le sue particolari forma e circolazione del sangue al suo interno.

Che disturbi da? Deve essere controllato nel tempo?

Solitamente asintomatico, non richiede alcun trattamento. Se raggiunge grandi dimensioni può causare però sintomi legati alla sua massa, esercitando pressione sulla capsula che riveste il fegato o sugli organi vicini: più spesso fastidio o olore, senso di pienezza addominale o altre difficoltà digestive. Talvolta il flusso di sangue al suo interno causa alterazioni nelle piastrine del sangue e nella coagulazione. Ancora più raramente causa problemi alla circolazione generale, con affaticamento cronico del cuore e sotto sforzo. Richiede osservazione annuale: se di dimensioni inferiori a 3 cm è sufficiente un'ecografia del fegato; se superiori a 3 cm è raccomandata ecografia con il contrasto o risonanza magnetica.

Come si cura? Si deve operare?

Tradizionalmente la chirurgia è considerata come l’unico trattamento efficace per gli emangiomi epatici se c’è una diagnosi dubbia, se sono sintomatici, se mostrano tendenza all’accrescimento, se hanno posizione esposta al trauma con le ossa o hanno forma particolari, o ancora nel rarissimo caso di rottura (intorno al 2%).

L’alternativa terapeutica proposta più frequentemente negli ultimi anni, anche in combinazione preparatoria ad un eventuale intervento chirurgico, è il trattamento radiologico interventistico endovascolare (embolizzazione). La letteratura scientifica è discorde sulla effettiva utilità di questa opzione, che rimane comunque appannaggio di servizi specializzati e nei casi in cui nell’angioma sia dimostrato un apporto sanguigno arterioso ad alto flusso.

---

Fai click qui per prenotare una visita

---

Riferimenti bibliografici

  • Mocchegiani F, Vincenzi P, Coletta M, Agostini A, Marzioni M, Baroni GS, et al. Prevalence and clinical outcome of hepatic haemangioma with specific reference to the risk of rupture: A large retrospective cross-sectional study. Digestive and Liver Disease. 2016 Mar 1;48(3):309–14.

  • Bajenaru N, Balaban V, Săvulescu F, Campeanu I, Patrascu T. Hepatic hemangioma -review-. J Med Life. 2015;8(Spec Issue):4–11.

  • Pompili M, Ardito F, Brunetti E, Cabibbo G, Calliada F, Cillo U, et al. Benign liver lesions 2022: Guideline for clinical practice of Associazione Italiana Studio del Fegato (AISF), Società Italiana di Radiologia Medica e Interventistica (SIRM), Società Italiana di Chirurgia (SIC), Società Italiana di Ultrasonologia in Medicina e Biologia (SIUMB), Associazione Italiana di Chirurgia Epatobilio-Pancreatica (AICEP), Società Italiana Trapianti d’Organo (SITO), Società Italiana di Anatomia Patologica e Citologia Diagnostica (SIAPEC-IAP) – Part I – Cystic lesions. Digestive and Liver Disease. 2022 Nov 1;54(11):1469–78.

  • Jia K, Gao Z, Li M, Yu C. Interventional treatments for hepatic hemangioma: A state-of-the-art review. Journal of Interventional Medicine. 2022 Feb 1;5(1):6–9.

  • Tuxun T, Apaer S, Zhou C ming, Zhang J hui, Zhao J ming, Tai Q wen, et al. Surgery vs. observation for liver hemangioma: a systematic review and meta-analysis. Hepatogastroenterology. 2014;61(136):2377–82.

 

---

Fai click qui per prenotare una visita


Contenuto redatto dal Dr. Roberto Valente, Dirigente Medico presso la UOC di Chirurgia Generale della ASL3 Genovese, specializzato in chirurgia di fegato, colecisti e vie biliari, pancreas e duodeno.

Hai bisogno di maggiori informazioni o di prenotare una visita?

Prenota un appuntamento con il Dr. Valente in una delle strutture disponibili per visite ambulatoriali, seconde opinioni ed interventi chirurgici di chirurgia epatobiliare e pancreatica.

© Roberto Valente

Il sito internet robertovalente.eu rispetta le linee guida nazionali della FNOMCeO in materia di pubblicità sanitaria, secondo gli art. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica. Il Dr. Roberto Valente è iscritto all'ordine dei medici di Genova dal 22/07/1996. n. OMGE13431.